Intolleranze alimentari – test citotossico – Alcat attendibilita

intolleranzalimentari test citotossico

Intolleranze alimentari: test citotossico

Test citotossico (o test di Bryan)

Rappresenta il primo test per le intolleranze alimentari . Proposto per la prima volta negli anni 50, questo test si basa sul principio che l’aggiunta in vitro di uno specifico allergene al sangue intero o a sospensioni di globuli bianchi comporti una serie dicambiamenti nelle cellule fino alla loro distruzione (detta citolisi) . Nel test viene fornita una scala semiquantitativa che ha nella lisi cellulare l’alterazione più significativa. In tempi più recenti è stata anche proposta una versione automatizzata del test, che si basa sul principio dei coulter-counter (ALCAT). Quindi maggiore è il numero di globuli bianchi distrutto dagli alimenti che sono aggiunti, maggiore è il numero di intolleranze alimentari , secondo questo test citossico.

Test intolleranza Citotossico e ALCAT: per quali malattie è proposto?

Secondo questa metodica, le intolleranze alimentari, dette anche “food and chemical sensitivity” colpiscono il 75-90% della popolazione , ritenuta responsabile di condizioni come attacchi di panico, acne, asma, rinite perenne,
diabete, stanchezza cronica, psoriasi, obesità, artrite, infezioni frequenti, dolori muscolari, malattie infiammatorie intestinali, iperattività, eczema, ansietà, depressione, emicrania, desiderio compulsivo per cibi e zuccheri.

Articoli su test citossico e intolleranza alimentari : Evidenze scientifiche

Franklin e Lowell documentarono in soggetti allergici all’ambrosia l’assenza di significative differenze morfologiche nei globuli bianchi quando posti in provette a contatto con estratto di ambrosia o con soluzione salina.
Chambers e coll. in soggetti polisensibilizzati non evidenziarono significative differenze nei globuli bianchi se posti a contatto con allergeni cui tali soggetti erano o meno sensibilizzati.
Lieberman e coll. in uno studio controllato, volto a valutare l’effetto citotossico di alcuni allergeni su globuli bianchi posti in sospensione nel plasma, non identificarono alcuna relazione fra risultati del test e reazioni allergiche a cibi o con reazioni indesiderate nei confronti degli stessi (emicrania, diarrea, astenia); inoltre il test non era riproducibile dal momento che si ottenevano risultati diversi per una stessa persona se saggiata in momenti successivi.
Benson e Arkins in uno studio controllato in doppio cieco hanno identificato un elevato numero di risultati falsamente positivi e negativi che tolgono al test citotossico qualsiasi validità clinica nello studio delle intolleranza alimentari. Questi risultati sono confermati da altri studi in doppio cieco effettuati da Lehman e da Stein . Anche la metodica automatizzata ha dato luogo a risultati piuttosto controversi . Le modificazioni morfologiche o delle dimensioni dei leucociti, sono verosimilmente da imputarsi a variazioni di pH, temperatura, osmolarità e tempo di incubazione .
Alla luce di queste evidenze sperimentali l’American Academy of Allergy ha concluso che il test non è affidabile nella diagnostica allergologica e per questo test non è prevista negli Stati Uniti la rimborsabilità .

Purtroppo il termine intolleranze alimentari viene utilizzato in modo improprio per giustificare l’uso di questo tipo di metodica, soprattutto in molti laboratori di analisi italiani .

Fonti bibliografiche

1) Bryan WTK, Bryan MP. Diagnosis of food allergy by cytotoxic reactions. Trans Am Soc Ophtal Otolaryngol Allergy 1967 ; 8 : 14
2) Frankin W, Lowell FC. Failure of ragween pollen extract to destroy white cells from ragweed sensitive patients. J. Allergy 1949; 20 : 375
3) Chambers VV, Hudson BH, Glaser J. A study of the reactions of human polymorphonuclear leucocytes to various antigens. J Allergy 1958; 29 : 93.
4) Lieberman P, Crawford L, Bjelland J, Connel B, Rice M. Controlled study of the cytotoxic test. JAMA 1974; 231 :128
5) Benson TE, Arkins JA. Cytotoxic testing for food allergy : eveluations of reproducibility and correlation. J Allergy 1976; 58 : 471
6) Lehman CW. The leukocytic food allergy test. A study of its reliebility and reproducibility. Effect of diet and sublingual food drops on this test. Ann Allergy 1980; 45 : 150
7) Stein HL. Unreliability of cytotoxic test. West J Med 1975; 122 : 491.
8) Bindslev_Jensen C, Poulsen LK. What do we at present know about the ALCAT test and what is lacking ? Monogr Allergy 1996; 32 : 228.
9) Potter PC, Mullineux J, Weinberg EG, Haus M et al.. The ALCAT test inappropriate in testing for food allergy in clinical practice. S Afr Med J 1992; 81 : 384.
10) Ruokonen J. Reactions in the cytotoxic leucocyte test. Allergol Immunopathol 1981; 9 : 281.
11) Lowell FC, Heiner DC. Food allergy cytotoxic diagnostic technique not proven. JAMA 1972; 220 : 1624.
12) Terr AI. Controversial and unproven diagnostic tests for allergic and immunologic diseases. Clin Rev Allergy
13) American Academy of Allergy : Position Statments – controversial techniques. J Allergy Clin Immunol 1981; 67 . 333

 Intolleranze alimentari: test citossico di Bryan

Intolleranze alimentari: test del capello

Vega Test e intolleranze

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato.