Intolleranza Lattosio Test Genetico DNA nuovo – non invasivo

Test intolleranza Lattosio - DNA

Come riconoscere intolleranza lattosio

II sintomi dell’intolleranza al lattosio sono immediati, dopo ingestione di latte e latticini: meteorismo, nausea, diarrea, dolori addominali. La gravità dei sintomi dipendono dalla quantità di lattasi intestinale, l’enzima che digerisce il lattosio. Può essere una condizione transitoria o cronica, spesso associata ad una predisposizione individuale

Intolleranza al lattosio: quale test eseguire? Test genetico DNA o Breath Test?

Intolleranza al lattosio è una condizione molto frequente (in Italia interessa 30-70 % della popolazione). Per confermare questa diagnosi l’esame più tradizionale è il Breath Test. Recentemente è stato allestito un nuovo

test genetico per intolleranza al lattosio,

che si è dimostrato l’esame più sicuro ed affidabile per indagare il reale deficit di Lattasi. Infatti il Breath Test non misura il deficit di Lattasi, ma solo l’incapacità di digerire il lattosio, e questo può avvenire anche per altri motivi, diversi dal deficit di Lattasi (aumento della permeabilità intestinale, altre malattie a carico dell’intestino, ecc.). Quindi anche disturbi transitori. Il test sul DNA per intolleranza lattosio consente di avere una risposta molto più precisa e meno invasiva, perchè studia la capacità genetica di produzione della lattasi, l’enzima resposabile della digestione del lattosio.

Test Intolleranza Lattosio DNA : perchè scegliere il test genetico?

Il Breath Test è sicuramente più indaginoso ed i risultati non sono sempre così sicuri. Nel breath test  si da al paziente un dose di lattosio per via orale, che può provocare i sintomi caratteristici dell’intolleranza (disturbi intestinali, nausea, diarrea, crampi addominali ecc), in base alla risposta individuale. Il test genetico per intolleranza al lattosio   si è rivelato molto utile anche per una diagnosi differenziale laddove a fronte di un Breath Test positivo il test genetico risulti negativo.