Fotoallergia

fotoallergia-soleIn estate aumenta per tutti  l’esposizione ai raggi solari. Fra una abbronzatura e una lunga nuotata aumenta anche il rischio di una fotoallergia.

Fotoallergia: che cos’è?

La fotoallergia è una dermatite si manifesta con macchie pruriginose, eruzioni eczematose nelle zone di pelle che sono state esposte al sole e che compaiono uno-due giorni dopo l’uso di sostanze applicate localmente. Questi prodotti agiscono scatenando una fotosensibilità , cioè una allergia favorita dai raggi solari.

Che cosa scatena la fotoallergia?

Le sostanze più spesso responsabili di reazioni fotoallergiche sono i filtri solari (benzofenoni, cinnamati, dibenzoilmetani), profumi come l’olio di sandalo; tra i farmaci sostanze antibatteriche come la clorexidina e l’esaclorofene, gli antinfiammatori FANS (soprattutto ketoprofene e diclofenac), le fenotiazine come la prometazina. Raramente sono delle sostanze assunte per bocca o iniettate, come gli stessi farmaci.

Come si accerta la causa della fotoallergia?

L’esame più appropriato per scoprire la causa della fotoallergia è il foto-patch test. Questo esame è simile al patch test: si differenzia perchè le sostanze applicate vengono irradiate con una lampada particolare, che simula le radiazioni solari.  Vengono testate delle sostanze chimiche che più spesso sono responsabili di fotoallergia.